Eugenio Pieraccini

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Olii
Clicca sull'immagine per ingrandirla

AUTORITRATTO

olio su tela 30x40 1948

 

 

OMBRELLONI SULLA SPIAGGIA

olio su cartone 50x40 1940

 

 

 

BISCA IN CONVENTO

acrilico su cartone 1963

 

 

 

IL MISTERO E LA CURIOSITA’

olio su tela 27x50 1958

 

 

 

LA BOTTEGA DEL MACELLAIO

olio su cartone 25x30 1950

 

 

 

AUTORITRATTO

olio su cartone 1939

 

 

 

L’OMBRELLONE GIALLO

olio su tela 50x70 1958

 

 

 

DANZA DI NUDI

olio su cartone 25x30 1955

 

 

LA DONNA CON LA CUFFIA BIANCA

acrilico su cartoncino 25x35 1960

 

 

 

LA BAMBINA COL GATTO

olio su tela 50x40 1972

 

 

 


Pagina 1 di 17

Critiche

…Il complesso delle opere rivela la sintesi potente del mondo che ci circonda e che è in noi. Chi ha difetti o mancanze, pregi o bontà, potrà penetrare tra le cornici di questi quadri come si entra in casa propria. Il suo mondo è sempre stato il vostro (anche se talvolta la pia metafora riesce a farvi ridere dei vostri pregi e dei vostri difetti), le sue parole sono le vostre e i suoi quadri il palcoscenico pieno di luce dove avete sempre recitato. Il mondo di Pieraccini appare sì, a prima vista, un cielo luminoso e sgombro di nuvole, ma più lontano, al di là del cielo, al di là di queste pietose finzioni che il pittore porge ai vostri cuori troppo sensibili, vi è tutta la disperazione e la inesauribile volontà di avvisarvi che a un solo passo da voi è il precipizio oscuro della noia e del vuoto…

FULCO SCULCO critico